Silhouette di Siena

L'interno della Basilica

Fate clic sulle aree sensibili.

Altare Cappella 1 Cappella 2 Cappella 3 Cappella 4 Cappella 5 Cappella 6 Cappella 7 Cappella 8 Crocifisso Coro e organo Annunciazione Annunciazione Medaglioni Medaglioni

Mappa della Basilica
 

Il panorama interno

La sagrestia

La cripta cimiteriale ed il sepolcreto dei Petrucci

La cella di S. Bernardino

La loggia di Pandolfo, la terrazza posteriore ed il panorama

Il chiostro esterno e la corte interna

 


 

Il coro ligneo cinquecentesco e l'organo

  • Il coro ligneo cinquecentesco e l'organo soprastante sono opere recenti costruite in uno stile dal sapore rinascimentale; sulle pareti in alto ed ai lati del coro si trova un dipinto murale di Pietro degli Orioli con una Madonna con il Gesù bambino insieme a San Girolamo ed a San Giovanni Battista.

Approfondimento: Coro cinquecentesco

 

 

 

Inizio pagina

Coro e organo

Rosone

Il crocifisso ligneo

  • Troneggia all'altare maggiore un crocifisso in legno di Padre Ierone, scultore contemporaneo, in sostituzione del Crocifisso di Lando di Pietro, spezzato dalle esplosioni del 1944 e di cui è rimasta, nel museo Aurelio Castelli, solo la bellissima testa del Cristo con una preghiera scritta su pergamena e collocata dall'autore nell'incavo della calotta cranica.

Approfondimento: Crocifisso ligneo

Inizio pagina

Crocifisso ligneo

L'altare maggiore

  • L'altare maggiore e gli altari delle otto cappelle laterali costruiti in severa pietra serena sono attribuiti all'architetto Egisto Bellini.

Approfondimento: Altare maggiore

Inizio pagina

Altare maggiore

L'annunciazione

  • Ai lati dell'arco principale che divide la navata centrale dal transetto, in due nicchie in stucco del XV° secolo, si possono ammirare due bellissime statue in terracotta invetriata raffiguranti a sinistra l'Arcangelo Gabriele ed a destra la Vergine Annunziata; sono opere di Andrea della Robbia risalenti al XV° secolo.

Approfondimento: Angelo annunciante

Approfondimento: Vergine annunziata

 

 

 

Inizio pagina

Arcangelo Gabriele

Annunziata

Cappella 1

  • Una Crocifissione con Santi, affresco del XVI° secolo è attribuita a Bartolomeo Neroni, detto il Riccio.

  • Un Sant'Antonio, statua in legno multicolore del XVII° secolo di scuola fiorentina.

Approfondimento: Cappella 1

 

 

 

 

Inizio pagina

Cappella 1

Sant'Antonio

Cappella 2

  • La Pietà opera in terracotta dipinta del XVI° secolo è attribuita a Giovanni di Paolo Neri.

Approfondimento: Cappella 2

Inizio pagina

Cappella 2

Cappella 3

  • Un trittico del XV° secolo è attribuito a Sano di Pietro con al centro la Madonna in trono con il Gesù bambino fra San Bernardino e San Girolamo; sopra il trittico si trovano in due scudi l'Arcangelo e l'Annunciata; sotto la Pietà con i Santi.

  • Un prezioso reliquario di S. Bernardino, opera di Francesco di Antonio del XV° secolo.

  • Sulla parete di sinistra un San Bernardino, importante opera di Pietro di Giovanni Ambrosi del 1444; su quella di destra una Sant'Elisabetta d'Ungheria del XV° secolo attribuita a Girolamo di Benvenuto.

Approfondimento: Cappella 3

 

 

 

 

 

 

Inizio pagina

Cappella 3

San Bernardino

Santa Caterina

Cappella 4

  • Una Madonna in trono con il Gesù bambino fra Sant'Ambrogio e San Girolamo; sopra, nelle cuspidi, si trovano un SanPaolo, un Gesù benedicente ed un San Pietro; infine nei due scudi l'Arcangelo e l'Annunciata. L'opera del XV° secolo è attribuita ad un certo "Maestro dell'Osservanza" non meglio identificato: forse Sano di Pietro o Francesco di Bartolomeo Alfei.

Approfondimento: Cappella 4

Inizio pagina

Cappella 4

Cappella 5

  • Quattro pannelli residui di un polittico del XV° secolo sono attribuiti ad Andrea di Bartolo e raffigurano quattro santi: San Giovanni Battista, San Francesco, San Pietro, San Giovanni evangelista. Nelle cuspidi superiori Sant'Iacopo, Santa Chiara, San Diacono e San Paolo.

Approfondimento: Cappella 5

Inizio pagina

Cappella 5

Cappella 6

  • Una Crocifissione con i Santi è attribuita a Bartolomeo Neroni, detto il Riccio.

Approfondimento: Cappella 6

Inizio pagina

Cappella 6

Cappella 7

  • Un'incoronazione di Maria Vergine con i Santi, del XV° secolo, è attribuita ad Andrea della Robbia; stupenda opera in terracotta invetriata, distrutta durante il bombardamento del 1944 ed in seguito vistosamente restaurata.

Approfondimento: Cappella 7

Inizio pagina

Cappella 7

Cappella 8

  • Vergine con Gesù bambino del XV° secolo opera attribuita a Sano di Pietro, chiamato anche l'Angelico di Siena.

Approfondimento: Cappella 8

Inizio pagina

Cappella 8

I medaglioni all'interno della facciata

  • Nella facciata interna i medaglioni di Andrea della Robbia, che raffigurano San Bonaventura e San Lodovico, sono stati ricomposti dall'opificio delle pietre dure di Firenze e qui collocati, anziché sulle volte, come in origine.

  • Altri medaglioni si trovano sui soffitti: sono opere in stucco a bassorilievo, i cui originali sono purtroppo andati distrutti, ma egregiamente rifatti rispettando le caratteristiche originarie dagli scultori Buracchini, Corsini e dal pittore B. Marzi.

Approfondimento: Medaglioni

 

 

Inizio pagina

San Bonaventura

San Lodovico

La sagrestia

  • Nella Sagrestia troneggia sull'altare il gruppo di sette personaggi della famosa Pietà in terracotta policroma del XV° secolo; questa opera voluta dal Magnifico Pandolfo Petrucci come suo mausoleo funerario è stata da questi commissionata a G. Cozzarelli che e' anche l'architetto della chiesa stessa.

  • Altre opere della stessa epoca sono un lavabo in marmo con lo stemma dei Petrucci e la pietra tombale di Pandolfo Petrucci sempre del Cozzarelli, mentre i dossali in legno intagliati sono di Antonio di Neri Barili.

Approfondimento: Sagrestia

Inizio pagina

 

La cripta cimiteriale e il sepolcreto dei Petrucci

  • La suggestiva cripta cimiteriale si trova proprio sotto il corpo centrale della Basilica ed è costruita in cotto rosso con volte a crociera sorrette da enormi pilastri anch'essi sempre in cotto rosso. In essa sono conservate le tombe di uomini illustri quali Giacomo Cozzarelli, Pietro degli Orioli e Francesco di Giorgio Martini.

  • Il sepolcreto dei Petrucci invece si trova proprio sotto la sagrestia ed è affiancato dal sarcofago di Celia Petrucci (1557), bellissima fanciulla senese.

Approfondimento: Cripta cimiteriale

Approfondimento: Sepolcreto dei Petrucci

Inizio pagina

Cripta Maggiore

Cripta Minore

La cella di S. Bernardino

  • In fondo a destra del corridoio d'ingresso al convento si trova la ricostruzione della cella di San Bernardino composta da due piccoli vani.

  • Nel primo vano piuttosto stretto, che si sviluppa sulla sinistra per chi entra, si trova una teca contenente opere d'arte, reliquie ed indumenti del Santo.

  • Nel secondo vano si trova un altare in pietra serena ed un busto del santo.

Approfondimento: Cella di San Bernardino

 

 

Inizio pagina

Cella di San Bernardino

Cella di San Bernardino

Loggia di Pandolfo, la terrazza ed il panorama

  • Usciti dalla cella di S. Bernardino, si prosegue per il corridoio d'ingresso, in fondo al quale c'è una porta che conduce al museo Aurelio Castelli. A sinistra  vi sono altre due porte che conducono rispettivamente al presbitero della chiesa ed alla cripta. Girando invece a destra si arriva al refettorio attraverso la loggia di Pandolfo, un luminoso atrio con vetrata che domina la terrazza posteriore da cui si può vedere il panorama di Siena e la sua silhouette.

Approfondimento: Loggia di Pandolfo

 

 

 

 

 

Inizio pagina

Vetrata

Terrazza posteriore

Panorama

Il chiostro esterno e la corte interna

  • Si completa la descrizione della Basilica dell'Osservanza citando il chiostro esterno da cui si può accedere al convento e la corte interna da cui si può ammirare la Basilica che si stacca nel cielo azzurro.

Approfondimento: Chiostri

 

 

 

 

 

 

Inizio pagina

Accesso al convento

Chiostro esterno

Corte interna

Corte interna

 


Basilica dell'Osservanza
Strada dell'Osservanza, 7
53100 - SIENA
Telefono della Parrocchia e del Convento 0577-332448